La Rete, nuovi progetti di economia per il sociale

Qualche tempo fa vi avevamo parlato di accessibilità alla salute e al benessere, in occasione della presentazione dello Studio Aretusa, fondato dalla Coop. Sociale La Rete. I nuovi progetti per il sociale sono sempre in campo, in una realtà come questa, attiva e attenta alle esigenze della società e delle fasce più deboli…per questo torniamo a parlarne.

La cooperativa sociale «La Rete», nata nel 1991 e presente oggi nell’area di Brescia e della Valle Trompia, orienta tutte le proprie attività alla convivenza senza esclusioni, al contrasto delle situazioni di disagio, alla promozione dei diritti dei cittadini e della comunità, alla crescita di una comunità sempre più accogliente e responsabile, imperniata su principi di equità, solidarietà e rispetto della legalità.

La fiducia che l’economia sociale offra validi modelli alternativi a quello che oggi presenta il conto di una crisi drammatica, induce oggi la cooperativa sociale «La Rete» a dare nuovo impulso ad attività autonome non profit, che da anni la cooperativa affianca alle collaborazioni con gli enti pubblici nell’ambito dei servizi sociali rivolti alle situazioni di disagio, dell’assistenza all’abitare, della tutela della salute mentale.

studio-aretusa-medicina-fisica-riabilitazione-brescia

Anziché competere con i meccanismi che puntano all’incremento del profitto, la cooperazione sociale punta ad istituire nuovi circuiti economici inclusivi. Perciò «La Rete» è impegnata in attività imprenditoriali sostenibili, per condividere la responsabilità di offrire risposte adeguate e di qualità ai bisogni della salute, del cibo, dell’accoglienza turistica e abitativa, della cultura, per farne il perno delle pratiche di inclusione e accessibilità ai diritti, all’interno di reti territoriali che attivano energie e risorse presenti nella cooperazione, nelle associazioni, nei gruppi di persone che come noi credono in un nuovo modo di fare economia.

Stretto legame con il territorio, mancanza di interessi speculativi, volontà di rendere più accessibile – economicamente e culturalmente – la tutela del benessere e di ampliare le opportunità lavorative di persone svantaggiate sono le linee guida sulle quali «La Rete» orienta le proprie attività, guardando al circuito dell’economia solidale come luogo privilegiato nel quale collocare la propria offerta. Dopo l’apertura del Bistrò Popolare, nel 2014  è nata la Locanda degli Acrobati, ostello destinato al circuito del turismo oltre che all’offerta temporanea di alloggio a lavoratori e persone in condizione di disagio abitativo. Infine, dando vita alla nuova cooperativa sociale B «ArticoloUno», insieme a nuovi compagni di viaggio,  «La Rete» intraprende oggi un ulteriore  passo in direzione dell’inclusione come obiettivo prioritario delle attività che sviluppano economia per una crescita a vantaggio del bene collettivo.

bistro-popolare-locanda-acrobati-la-rete

La nuova cooperativa si occuperà infatti della gestione della Locanda degli Acrobati, e, contemporaneamente darà avvio alla nuova stagione della Libreria Rinascita, custodendone la tradizione e la storia e al tempo stesso rilanciandone il ruolo di soggetto culturale in città. La nuova libreria vuole diventare un luogo di crescita, confronto e valorizzazione della pluralità e ricchezza culturale della città e degli stimoli che provengono dal mondo delle associazioni, per rinnovare la tradizione delle librerie indipendenti e del loro ruolo di stimolo culturale per la comunità. Sarà una libreria dei lettori, nella quale il servizio e la disponibilità di spazi fisici e metaforici diventa una nuova opportunità per tutta la città. Una scelta che conferma la vocazione de «La Rete» a sostenere e promuovere i’accessibilità e a crescita della cultura, riconoscendone il valore sociale e di investimento per una crescita sostenibile.

Locanda degli Acrobati e Nuova Libreria Rinascita, con la creazione di «ArticoloUno», diventano attività di una nuova cooperativa sociale che prosegue tuttavia l’intento con cui «La Rete» ha progettato servizi ispirati ai principi dell’equità e della sostenibilità dei consumi, che nascono per alimentare il circuito dell’economia solidale e sviluppare opportunità di lavoro e inserimento per le persone a rischio di esclusione, ma insieme costituiscono una proposta all’intera comunità di salute, cibo, cultura, turismo, nella tutela del bene comune e dell’equità.

la-rete-brescia-ministro-kyenge
Cecile Kyenge, ospite al Bistrò Popolare in occasione della sua visita a Brescia in qualità di ministro per l’integrazione nel gennaio 2014

La Rete Società Cooperativa Sociale Onlus  

Via G. Mazzucchelli 19, 25126 Brescia

Tel 0303772201

www.cooperativalarete.it

www.bistropopolare.it

www.locandadegliacrobati.it

www.laretesalute.it