Cos’è il DES

Il concetto di Distretto di Economia Solidale, nasce come espressione di idee e linee di azione definite negli incontri di Verona del 19 Ottobre 2002 e di Bologna dell’11 Gennaio 2003, sulle “strategie di rete per l’economia solidale“.

Il processo verso la realizzazione della Rete Italiana di Economia Solidale (RES) è stato inizialmente promosso dalla Rete di Lilliput e si è sviluppato successivamente con il sostegno delle Botteghe del Mondo, dei Gruppi di Acquisto Solidali, delle organizzazioni della finanza etica (MAG, Banca Etica), del turismo responsabile e delle cooperative sociali. Tale progetto è da considerarsi aperto a tutte le realtà che già operano, che si “sentono” parte, o che comunque intendono agire ispirandosi ai valori e ai princìpi dell’economia solidale.

Per rafforzare ed espandere le realtà dell’economia solidale si sta sperimentando in diversi luoghi la strategia delle reti, che consiste nella costruzione di circuiti in cui fluiscono i beni, i servizi e le informazioni prodotti dalle realtà dell’economia solidale, in modo che queste si possano sostenere a vicenda, creando gli spazi per un’economia diversa.

Nel processo di attivazione della RES (Rete di Economia Solidale) è strategica l’attivazione, a partire dai territori, di “Distretti di Economia Solidale” (DES).

I DES si possono considerare dei “laboratori” di sperimentazione e partecipazione civica, economica e sociale, esperienze pilota in vista di future più vaste applicazioni dei principi e delle pratiche caratteristiche dell’economia solidale.

 

I soggetti

Chi fa parte dei Distretti dell’economia solidale?

  • le imprese dell’economia solidale e le loro associazioni;
  • i consumatori e le loro associazioni;
  • i risparmiatori finanziatori delle imprese e delle iniziative dell’economia solidale e le loro
  • associazioni o imprese;
  • i lavoratori dell’economia solidale;
  • le istituzioni (in particolare gli Enti Locali) che intendono favorire sul proprio territorio la
  • nascita e lo sviluppo di esperienze di economia solidale.

 

Gli obiettivi

In un contesto globalizzato dove le dinamiche di mercato sono accelerate, il rischio è l’uniformazione, lo sradicamento, il degrado ecologico e sociale dei territori locali. I distretti rappresentano una risposta che restituisce identità ed etica nelle politiche di mercato locali.

L’obiettivo dei DES è quello di valorizzare le risorse locali per produrre ricchezza in modo sostenibile per l’ambiente e la società.

Obiettivo dei Distretti economia solidale è perseguire questi principi:

  • cooperazione e reciprocità;
  • valorizzazione del territorio locale;
  • sostenibilità sociale ed ecologica.